ZACCARINI STEFANO , Specializzato in TERAPIA MANUALE

E’ una specializzazione della fisioterapia che utilizza tecniche manuali nell’esame, trattamento e
prevenzione di disturbi funzionali, posturali o legati alle attività giornaliere.

In che cosa consiste questo tipo di trattamento :

Durante il primo incontro è buona regola eseguire una serie di domande per meglio comprendere
le effettive cause che possono aver generato la sintomatologia del paziente o i fattori che possono
averla influenzata negativamente.

Segue un approfondito esame funzionale, motorio e biomeccanico al fine di meglio interpretare
le informazioni raccolte durante la prima intervista e quindi definire il problema per il quale si inizia
il percorso rieducativo.

Risulta poi fondamentale capire quali difetti posturali o anomalie motorie possano avere generato
il problema. Compreso anche questo aspetto, risulterà importante che anche il paziente capisca quali
strategie adottare per evitare che il problema si ripresenti in maniera ciclica (cosa va evitato o
modificato nella vita quotidiana e cosa invece andrebbe favorito o migliorato).

La Terapia Manuale risolve disturbi funzionali articolari o mio-fasciali, in modo da migliorare
la mobilità ed eliminare i sintomi negativi ed il dolore.

Al fine di prolungare, aumentare e mantenere gli effetti dell’applicazione di tali tecniche manuali, è buona
regola insegnare esercizi attivi e specifici, fornendo una corretta assistenza durante la loro esecuzione.

BREVE RIFLESSIONE, quando parliamo di:

  • lombalgia (dolore lombare)
  • cervicalgia (dolore cervicale o più semplicemente “cervicale”)
  • coxalgia (dolore all’anca)
  • gonalgia (dolore al ginocchio)
  • periartrite scapolo-omerale (dolore alla spalla)
  • epicondilite (dolore al gomito)

ci riferiamo a termini che descrivono la localizzazione del dolore ma non la sua fonte,
e neanche la causa per cui il sintomo si è scatenato.

Per risolvere il problema non è sufficiente trattare il dolore  attraverso farmaci, terapie fisiche
(T.E.N.S., ionoforesi, ultrasuoni,…) o solo tecniche manuali, ma occorre capire quali
possono essere stati i fattori
predisponenti o contribuenti all’insorgere del dolore e
cercare di risolverli in modo tale che non si ripresenti.

Alcune tecniche manuali che utilizzo sono :